L'oleificio Angelini dispone di due impianti per l'estrazione dell'olio: uno di tipo tradizionale con macine di pietra e presse idrauliche PIERALISI ed un altro ad estrazione continua installato nel 2011 ALFA LAVAL.

Fasi lavorazione impianto tradizionale

Le olive entro 24 ore dalla raccolta vengono avviate alla lavorazione, defogliate e private di eventuali corpi estranei pronte per la molitura.
La molitura avviene attraverso grandi macine di granito che rendono le olive una pasta omogenea che confluisce nelle gramole (vasche in acciaio inox) dove attraverso delle pale a spirale, viene mescolata favorendo l'agglomerazione delle microparticelle di olio presenti facilitandone l'estarazione.
L'estrazione dell'olio avviene attraverso la spremitura della pasta di olive attraverso presse idrauliche che dividono il mosto (olio ed acqua) dalla sansa (parte solida); infine il mosto viene convogliato in un separatore centrifugo verticale che divide l'olio dall'acqua.

Fasi lavorazione impianto continuo

Le olive entro 24 ore dalla raccolta vengono avviate alla lavorazione; vengono dapprima defogliate, accuratamente lavate con un sistema idropneumatico e private di eventuali corpi estranei pronte per la frangitura.
Una volta pulite, le olive vengone avviate alla frangitura per la trasformazione in pasta di olive omogenea attraverso un frangitore a dischi a bassi giri per evitare il surriscaldamento della pasta; la pasta di olive ottenuta confluisce nelle gramole, modernissime vasche inox chiuse in assenza di aria per evitare l'ossidazione della pasta e la dispersione dei componenti aromatici dell'olio.
Dopo opportuna gramolazione la pasta viene inviata, per l'estrazione, al Decanter, una centrifuga oizzontale dove per differenza dei pesi specifici, avviene la separazione della pasta, dell'acqua e dell'olio.
Tutte le fasi della trasformazione sono realizzate attraverso l'ausilio di apparecchiature elettroniche che permettono di ottenere un'elevata qualità dell'olio.